CAMPEGGIA TRANSFEMMINISTA QUEER DEL SOMMOVIMENTO NAZIOANALE

22- 27 AGOSTO 2017
Casa Galeone, Contrada Asola 2, Potenza Picena (Mc)

– in fondo informazioni su come iscriversi e costi –

Programma

\\\ Martedì 22 Agosto \\\

>In serata: Assemblea iniziale
Questioni logistiche + varie di autogestione della campeggia.
Condivisione delle proposte fuori programma

\\\ Mercoledì 23 Agosto \\\

> h11 – Incontro “Asterischi”. Gruppo formato da persone trans MtF e FtM, Ft*, Mt*/persone non-binarie/genderqueer/in-questionamento/non-cis/***. Assemblaggio eterogeneo che condivide la voglia di confrontarsi su un piano intimo e personale e di mettere in gioco i vissuti. Al momento questo gruppo non ha nome si autodefinisce ironicamente “gruppo asterischi”. Chiunque fosse interessat* a partecipare è benvenut* purché si stia interrogando sul proprio genere su un piano intimo/vissuto e non puramente intellettuale.

> Ore 14.00-19.00: *** Strategie di resistenza al sistema delle frontiere, alle retoriche di sicurezza e decoro, all’omonazionalismo ***

I recenti decreti Minniti-Orlando inneggiano al decoro e ad una stretta repressiva e securitaria finalizzata alla selezione minuziosa di chi sta dentro e chi sta fuori, di chi è assimilabile a un ideale fittizio di normalità, produttività e docilità e di chi deve essere respinto ai margini della società, invisibilizzato, recluso nel cosiddetto sistema di accoglienza e infine espulso (o direttamente espulso oltre i confini europei). In questo modo, si va restringendo costantemente la platea dei soggetti socialmente accettabili.
Come donne, lesbiche, frocie da sempre siamo abituate ad essere categorizzate in base alle nostre identità tra ‘perbene’ e ‘permale’, ove chi è ritenuta perbene è degna di diritti e visibilità, mentre chi è permale, non è cittadin* e non ha il permesso di soggiorno è marginalizzabile ed espellibile.
In questa giornata ci prenderemo uno spazio per condividere strategie di resistenza e attraversamento delle città sempre più militarizzate e invivibili, per decostruire l’immagine buonista “dell’Italia che accoglie” e smascherare la complicità tra istituzioni politiche, religiose, potere economico e sistema di accoglienza.
Ci prenderemo uno spazio inoltre per provare a leggere le intersezioni che viviamo sui nostri corpi e nelle nostre vite, e il nostro privilegio, perché è fondamentale lavorare sul fatto che i movimenti transfemministi e queer in Italia sono attraversati soprattutto da persone bianche e europee.

Workshop:

– Transfemminismo e privilegio bianco. Decolonizzare le nostre lotte.
– Lettura critica del sistema di accoglienza – Istituzioni/complicità – Strategie di relazione
– Approfondimento e lettura critica dei Decreti Minniti-Orlando
– Pratiche di resistenza e attraversamento delle città del decoro

> Ore 20.00 – 23.00: Assemblea

\\\ giovedì 24 Agosto\\\

> Ore 14.00-19.00: *** Consultorie Transfemministe queer (1) ***

Come Sommovimento NazioAnale abbiamo attraversato la grande giornata di sciopero mondiale delle donne dell’8 marzo 2017 con lo sciopero dei/dai generi e abbiamo cercato di moltiplicare in ogni dove le consultorie queer – che in questi anni abbiamo costruito in varie città. Le amministrazioni comunali e le forze dell’ordine hanno sgomberato queste esperienze appena pochi giorni dopo, ma la forza dei processi e progetti attivati in quelle poche ore non è stata interrotta, ma solo rallentata. Per questo motivo, abbiamo scelto di dedicare le due giornate centrali di questa campeggia proprio al progetto delle consultorie, condividendo desideri e bisogni che ci spingono a voler costruire e diffondere il più possibile queste esperienze.
Le consultorie che abbiamo creato e che vogliamo far proliferare ovunque sono laboratori permanenti di decostruzione dei generi e delle sessualità a partire dall’incontro tra differenti soggettività, spazi di ripoliticizzazione della questione del genere, della sessualità, delle relazioni e del benessere, luoghi di costruzione di autorganizzazione e di resistenza ai dispositivi di controllo delle nostre vite e alla violenza. Luoghi s-confinati dove l’intersezione delle forme di discriminazione sulle nostre vite possa essere smascherata e combattuta insieme, come luoghi di costruzione di alleanze e di “safety”.

Workshop:

– Corpi, desideri, consenso: in seguito alla necessità emersa all’interno del Sommovimento di uno spazio/tempo in cui dedicarsi alla riflessione politica sul/col corpo per alternare i momenti di confronto verbale a quelli di scambio fisico, il workshop si propone di risignificare la questione della cura e della fiducia attraverso l’ascolto del corpo e la sperimentazione della sessualità in uno spazio transfemministaqueer costruito collettivamente come safe, cercando di capire i limiti, propri e dell’altr*, attraverso il consenso e l’espressione del desiderio. Portare corde, sex toys e oggetti erotici improvvisati, foulard.
– GPA
– De-genderizzare le pratiche sessuali, decentrarsi dalla genitalità, risignificare/sessualizzare in modo sovversivo le varie parti dei nostri corpi, scoprire nuovi modi di usarle: qualcosa da cui possiamo trarre godimento tutti/e/u e tette, e non solo le persone trans/non binarie/in questionamento…

>Ore 20.00 – 23.00 > Workshop in plenaria: Violenza nelle relazioni non etero

\\\ venerdì 25 Agosto \\\

*** Consultorie (2) ***

> Ore 14.00-19.00 Workshop:

– Precarietà: strumenti per leggerla e combatterla attraverso le consultorie
– Pratiche materiali nelle consultorie
– Autosomministrazione dell’ Autoinchiesta prodotta dalla consultoria transfemminista queer di Bologna

>Ore 20.00: Assemblea

\\\ Sabato 26 Agosto \\\

> Ore 14.00-19.00:

Fin dagli esordi del Sommovimento abbiamo analizzato criticamente i processi di valorizzazione capitalistica delle soggettività, e i meccanismi attraverso i quali il neoliberismo sfutta ed estrae profitto dalle vite queer/precarie all’interno dell’economia della promessa. Così come il lavoro riproduttivo delle donne – reso obbligatorio, gratuito e naturalizzato per le assegnate donne, come specifica forma di lavoro del genere femminile – era il cuore dell’accumulazione dell’economia fordista, la messa al lavoro dei generi (etero o queer) si è allargata a gay, lesbiche e trans attraverso il diversity management e l’inclusione differenziale nel ciclo di valorizzazione della vita di tutte le soggettività prima stigmatizzate ed escluse. I saperi, le forme di vita, di relazione, i generi che tanto faticosamente costruiamo con le nostre lotte e immaginazioni collettive, le stesse forme dell’attivismo sono continuamente riappropriate e immesse, dopo essere state desessualizzate e spoliticizzate, nel circuito culturale, sociale ed economico attraverso forme di pinkwashing da parte di movimenti neutri, associazioni mainstream e istituzioni. Un discorso a parte merita l’accademia con il suo ruolo ambiguo nell’espropriazione dei saperi e dell’attivismo.
Mentre noi, sotto il ricatto della precarietà e privat* di spazi di agibilità politica abbiamo sempre più difficoltà a riprodurre le nostre esperienze di autorganizzazione, il capitalismo rainbow (ci) rivende a caro prezzo il prodotto delle lotte transfemministe e queer sotto forma di merce, feticcio o riconoscimento normalizzante.
Come ci riappropriamo della ricchezza e del valore queer che produciamo? Come lo redistribuiamo attraverso forme di mutualismo a sostegno delle lotte per il reddito di autodeterminazione? Come ripensiamo le forme di sciopero dei generi e dai generi per renderlo permanente? Come costruiamo circuiti di produzione e circolazione autonoma di saperi transfemministi queer?

Workshop:

– Sostenibilità dell’attivismo e delle nostre esperienze di lotta
– Forme di sostenibilità collettiva delle nostre vite e autorganizzazione
– Altre intimità – Forme di sostenibilità “privata”
– Produzione autonoma di sapere transfemminista queer

> Ore 20.00 – 23.00: Assemblea

\\\ Domenica 27 agosto \\\

>Dalle 10.00
Plenaria conclusiva

—————————-INFO LOGISTICHE———————————–
La campeggia si terrà a Casa Galeone, contrada Asola 2, Potenza Picena (MC).

Anche se non saranno tra i focus di questa campeggia l’ANTIRAZZISMO, l’ANTIFASCISMO, l’ANTISESSISMO, l’ANTISPECISMO sono forme teoriche e di attivismo che la attraversano e su cui singolarità, collettivi e il sommovimento stesso si sono per diversi aspetti impegnate. I contributi e le soggettività che si rifanno a questi posizionamenti sono benvenute.
**************************@@@@@@@**************************
La RESPONSABILITA’ del buon andamento della campeggia sul piano dell’organizzazione, del lavoro riproduttivo (cucina, pulizie), delle relazioni e della discussione politica è di tutt* e di ciascun*.

Abbiamo calcolato che I COSTI della campeggia (alloggio, vitto, logistica, compreso il sostegno economico alle spese di viaggio di chi non può pagarle) saranno coperti se ciascun* versa in media circa 8/10 euro al giorno. Se la cifra che puoi permetterti è inferiore o superiore, segnalalo senza problemi nella mail di iscrizione. Idem se hai bisogno di supporto per pagare le spese di viaggio.

**************************@@@@@@@**************************
Portate una tenda, un sacco a pelo, materassino, gavette, bicchieri e posate per non usare plastica usa e getta. Possibilmente, usare saponi e shampoo biodegradabili.
La cucina della campeggia è vegana.
**************************@@@@@@@**************************
Se volete proporre un’attività durante la campeggia, potete scrivere a campeggia@anche.no con oggetto PROPOSTE CAMPEGGIA, specificando di che tipo di attività si tratta, quanto dura, di che materiale c’è bisogno, e qual è il contenuto dell’attività proposta.
Tutte le attività proposte saranno discusse durante l’assemblea di apertura, martedì 22 agosto, in maniera tale che l’intera assemblea decida rispetto alla realizzazione o meno della discussione/workshop.
**************************@@@@@@@**************************
Per iscriverti, manda una mail entro l’11/08/2017 a campeggia[chiocciola]anche[punto]no con le seguenti info:
– nome (singolu o collettivo)
– numero di persone
– data arrivo
– data partenza
– parto da
– torno a
– auto
– offro n° posti in auto (andata e/o ritorno)
– chiedo un passaggio (andata da e/o ritorno a)
– ho la tenda
– ho bisogno di un posto letto
– intolleranze/allergie/scelte alimentari
– mail di riferimento e numero di telefono
– bisogno di un supporto economico

This entry was posted in General and tagged . Bookmark the permalink.